venerdì 17 marzo 2017

Pistoia: ricominciano le celebrazioni in rito antico presso la Chiesa di San Vitale


Pubblichiamo con estrema gioia la notizia proveniente dagli amici del coetus pistoiese, che ci informano della ripresa delle celebrazioni in rito antico, dopo l'interruzione a seguito del trasferimento del celebrante, don Cristoforo Dabrowski, che continuerà ad occuparsi della S. Messa secondo i libri liturgici del 1962, a norma di motuproprio Summorum Pontificum, con la stessa cadenza prefestiva, ma presso la Chiesa di San Vitale e non più alla parrocchia di S. Pantaleo all'Ombrone

AVVISO DALL'ASSOCIAZIONE MADONNA DELL'UMILTA' DI PISTOIA

La chiesa di San Vitale, citata già nel secolo XI, anticamente era più ampia dell'attuale.
Nel 1610 l'edificio fu demolito per allargare e rettificare la via di Porta Lucchese.
Ben presto venne ricostruita una nuova chiesa di dimensioni minori, che nel 1756 fu modificata
e ridotta allo stato attuale. Secondo la tradizione, nel 1220 San Francesco
avrebbe dimorato nella canonica di questa chiesa,
come ricorda l'epigrafe posta sulla facciata meridionale.


L'Associazione Madonna dell'Umiltà comunica con gioia a tutti i fedeli che da sabato 18 marzo 2017 alle ore 18:30 riprende la regolare celebrazione della Santa Messa nella forma straordinaria del Rito Romano, nella chiesa di San Vitale, in via della Madonna 58, a Pistoia. Gli orari delle celebrazioni di precetto che non sono di sabato saranno comunicati di volta in volta su questo blog: http://associazionemadonnaumiltapistoia.blogspot.it/



Tutti i sabati alle ore 18:30 

sarà celebrata la 

Santa Messa in Rito Romano antico (prefestiva) 

nella chiesa di San Vitale 
in via della Madonna, 58 a Pistoia 

Bientina: conferenza di Don Federico Pozza, 22 marzo




sabato 25 febbraio 2017

Ritiro quaresimale organizzato dal Coordinamento toscano (sabato 18 marzo)



Ritiro spirituale quaresimale del Coordinamento toscano


Sabato 18 marzo 2017, Oratorio di San Francesco Poverino, Piazza SS. Annunziata, Firenze





Programma:



ore 10: Ritrovo dei partecipanti presso l'Oratorio di S. Francesco Poverino

ore 10.15: Recita del S. Rosario


ore 10.30: Prima conferenza spirituale; tempo per meditazione e confessioni

ore 12: S. Messa in rito antico


ore 13: Pranzo al sacco (con possibilità, per chi lo desidera, di recarsi presso bar o ristoranti)

ore 14.30: Seconda conferenza spirituale

ore 15.30: Benedizione eucaristica e preghiera conclusiva

ore 16.15 circa: conclusione del ritiro e congedo dei partecipanti


Il ritiro sarà predicato da don Federico Pozza, I.C.R.S.S., rettore della Chiesa dei SS. Michele e Gaetano di Firenze.


Il ritiro è aperto a chiunque; non occorre alcuna registrazione preventiva. Si può anche partecipare solo ad alcuni momenti del ritiro, ad esempio alla sola fase mattutina o a quella pomeridiana.

Per informazioni: coordinamentotoscano@hotmail.it

Lucca: incontro sul tema del gender 11 marzo



Prato: S. Messa per le Ceneri (chiesa del Sacro Cuore)



AVVISO DA PRATO




Si avvisano i fedeli che mercoledì 1 marzo alle ore 21:00 presso la chiesa parrocchiale del Sacro Cuore di Gesù in Prato (Via Ofanto 9, tel. 0574 466777, sacrocuoreprato@gmail.com) sarà celebrata una S. Messa in rito romano antico in occasione del Mercoledì delle Ceneri, inizio della Quaresima. A tutti i fedeli saranno poste sul capo le ceneri in segno di penitenza e si sentiranno risuonare le parole solenni ed austere del sacerdote (ispirate a Genesi 3, 19) che invita per primo se stesso e poi tutti i fedeli presenti: "Memento homo, quia pulvis es et in pulvere reverteris" (Ricordati uomo che sei polvere e in polvere ritornerai. La S. Messa sarà celebrata dal Parroco Mons. Vittorio Aiazzi.

Si ricorda anche che il successivo sabato 4 marzo alle ore 16:00 presso la chiesa parrocchiale di San Salvatore a Vaiano il parroco don Marco Locati celebrerà la S. Messa mensile in rito romano antico. Alle ore 15:30 è prevista la recita del S. Rosario in preparazione alla S. Messa che è una prefestiva ed è dunque valida per il precetto festivo.


giovedì 16 febbraio 2017

La Confraternita di San Girolamo e S. Francesco Poverino approda su facebook





VENERABILE CONFRATERNITA DI S. GIROLAMO E
S. FRANCESCO POVERINO
FIRENZE
 
 
Si avvisano i fedeli che grazie ad un giovane confratello, Luca Torraca, è stata aperta una pagina facebook del gruppo VENERABILE CONFRATERNITA DI S. GIROLAMO E S. FRANCESCO POVERINO, raggiungibile al seguente link https://www.facebook.com/groups/1904801399752139/?fref=ts
 
Al momento sono presenti le foto, la storia della Confraternita, l'atto di riparazione al Cuore di Gesù nella SS.ma Eucaristia che, insieme al Rosario e ad altre preghiere, un gruppo di confratelli recita tutti i venerdì sera, una breve storia dello Stabat Mater e cenni biografici su Jacopone da Todi.
 
Più avanti si inserirà altro materiale, già pubblicato altrove o più recente, che potrebbe esser utile consultare.
 

Il Governatore
Dante Pastorelli

domenica 29 gennaio 2017

Avviso da Prato: S. Messa per la Candelora



AVVISO DA PRATO - SANTA MESSA PER LA CANDELORA






Si avvisano i fedeli che giovedì 2 febbraio alle ore 21:00 presso la chiesa parrocchiale del Sacro Cuore di Gesù in Prato (Via Ofanto 9, tel. 0574 466777) sarà celebrata una S. Messa in rito romano antico in Latino in occasione della Festa della Presentazione di Gesù Bambino e della Purificazione della Beata Vergine Maria, detta popolarmente festa della "Candelora" perché i riti di quel giorno, molto suggestivi, che ricordano la presentazione al tempio di Gesù Bambino 40 giorni dopo la nascita, comprendono la benedizione delle candele e la processione con le candele accese. La S. Messa sarà celebrata dal Parroco Mons. Vittorio Aiazzi.

Si ricorda anche che il successivo sabato 4 febbraio alle ore 16:00 presso la chiesa parrocchiale di San Salvatore a Vaiano il parroco don Marco Locati celebrerà la prima Messa in rito romano antico del calendario 2017. Alle ore 15:30 è prevista la recita del S. Rosario in preparazione alla S. Messa prefestiva e dunque valida per il precetto festivo.

sabato 21 gennaio 2017

Vaiano: una nuova, ulteriore celebrazione in rito antico nella diocesi di Prato


COMUNICATO STAMPA



La Messa in latino a Vaiano diventa un appuntamento fisso. Da febbraio una celebrazione al mese secondo il rito romano antico

Si terrà nella chiesa della Badia di San Salvatore: il primo appuntamento è fissato per sabato 4 febbraio



La Badia di Vaiano


Vaiano, 11 gennaio 2017 – Una quinta Messa stabile in Rito Antico per la Diocesi di Prato. A partire dal mese di febbraio infatti, nella chiesa della Badia di San Salvatore a Vaiano (piazza Agnolo Firenzuola 15) si terrà stabilmente, a cadenza mensile, la Santa Messa in Rito Romano antico in Latino, celebrata secondo il Messale Romano del 1962. Il primo appuntamento è fissato per sabato 4 febbraio (ore 16): il celebrante sarà il giovane Parroco don Marco Locati, da poco alla guida della storica parrocchia vaianese che ha raccolto l’eredità dell’antico monastero benedettino-vallombrosano, soppresso dalle leggi napoleoniche nel 1808. 



Proprio il 13 novembre scorso, per la festa di San Salvatore, titolare dell’antica abbazia, è stata la prima occasione per don Marco Locati di officiare pubblicamente la Messa in rito antico a Vaiano; ad essa sono seguiti altri due appuntamenti, la vigilia dell’Immacolata e il 31 dicembre a cui ha preso parte un buon numero di parrocchiani ma anche persone venute da fuori. La celebrazione è promossa, oltre che dalla parrocchia, dal Museo della Badia di Vaiano, Casa della Memoria dello scrittore e abate Agnolo Firenzuola, e dal suo coordinatore Adriano Rigoli. Proprio il Museo della Badia quest’anno ricorderà il 25° anniversario dalla prima apertura al pubblico, avvenuta il 2 maggio 1992 in occasione degli Itinerari Laurenziani per il V centenario della morte del Magnifico Lorenzo dei Medici. 



La liturgia nella forma antica del Rito Romano si configura non solo come un atto di fede, ma anche come un’operazione culturale: tutti gli arredi sacri e le opere d’arte che sono esposti nel Museo della Badia di Vaiano infatti sono stati creati per questa Messa, come in generale la maggior parte dell’arte e della musica sacra. La quinta celebrazione stabile della Messa antica nella Diocesi di Prato è anche un bel modo per festeggiare il decimo anniversario del Motu proprio Summorum Pontificum del Papa Benedetto XVI che ha liberalizzato l’antica liturgia, promulgato il 7 luglio 2007 ed entrato in vigore il 14 settembre dello stesso anno. 

Proprio il 14 settembre 2007 il Canonico Don Enrico Bini ha dato avvio alla celebrazione presso la chiesa parrocchiale dello Spirito Santo a Prato (ogni domenica e festivi alle ore 17), a lui ben presto si sono aggiunte la chiesa parrocchiale di Paperino con il Parroco don Carlo Gestri (ogni prima domenica del mese alle ore 16, ogni giovedì alle ore 7.30) e la Messa antica nella chiesa di Santa Cristina a Pimonte, retta dai Padri dell’Oratorio di San Filippo Neri (celebrante don Stefano Bertolini, ogni domenica e festivi alle ore 10). Infine anche Monsignor Vittori Aiazzi ha iniziato ad officiare, anzi ha ricominciato, la Messa in Rito Antico presso la chiesa del Sacro Cuore di Gesù di cui è parroco da oltre 50 anni (ogni primo venerdì del mese alle ore 21). A queste celebrazioni si aggiunge ora quella nella chiesa della Badia di Vaiano: ecco il calendario fino a giugno 2017


Sabato 4 febbraio ore 16 – Messa della vigilia della V domenica dopo l’Epifania


Sabato 4 marzo ore 16 – Messa della vigilia della I domenica di Quaresima



Sabato 22 aprile ore 16 – Messa della vigilia della domenica in Albis



Sabato 20 maggio ore 16 – Messa della vigilia della V domenica dopo Pasqua



Sabato 3 giugno ore 16 – Messa della vigilia di Pentecoste

Le S. Messe sono precedute dalla recita del Santo Rosario (ore 15.30)

Le Sante Messe sono celebrate come prefestive e pertanto sono valide per il precetto festivo

Per informazioni è possibile contattare Adriano Rigoli, coordinatore del Museo della Badia di Vaiano: 328.6938733; adriano.rigoli@gmail.com. 





Associazione Nazionale Case della Memoria
L’Associazione Nazionale Case della Memoria mette in rete 61 case museo in 11 regioni italiane (Piemonte, Veneto, Lombardia, Emilia Romagna, Toscana, Umbria, Marche, Lazio, Basilicata, Sicilia e Sardegna) che hanno deciso di lavorare insieme a progetti comuni e per promuovere questa forma museale in maniera più incisiva anche in Italia. Abitazioni legate a tanti personaggi della cultura italiana: Dante Alighieri, Giotto, Francesco Petrarca, Giovanni Boccaccio, Francesco Datini, Leonardo da Vinci, Niccolò Machiavelli, Francesco Cavassa e Emanuele Tapparelli d’Azeglio, Agnolo Firenzuola, Pontormo, Benvenuto Cellini, Filippo Sassetti, Lorenzo Bartolini, Silvio Pellico, John Keats e Percy Bysshe Shelley, Francesco Guerrazzi, Giuseppe Verdi, Elizabeth Barrett e Robert Browning, Pellegrino Artusi, Corrado Arezzo de Spucches e Gaetan Combes de Lestrade, Giosuè Carducci, Sidney Sonnino, Giovanni Pascoli, Giacomo Puccini, Ferruccio Busoni, Maria Montessori, Enrico Caruso, Renato Serra, Giorgio e Isa de Chirico, Antonio Gramsci, Raffaele Bendandi, Piero Bargellini, Enzo Ferrari, Primo Conti, Leonetto Tintori e Elena Berruti, Indro Montanelli, Italo Zetti, Ivan Bruschi, Ilario Fioravanti, Goffredo Parise, Barbara Marini Clarelli e Francesco Santi, Loris Jacopo Bononi, Giorgio Morandi, Sigfrido Bartolini, Venturino Venturi, Luciano Pavarotti, Robert Hawthorn Kitson con Frank William Brangwyn e Daphne Phelps, Elémire Zolla, Toti Scialoja e Gabriella Drudi, Gabriele D’Annunzio (il Vittoriale degli Italiani), Papa Clemente XII, Giacinto Scelsi e Giulio Turci, Filadelfo e Nera Simi, Secondo Casadei, Carlo Levi, Domenico Aiello e Michele Tedesco.

L’Associazione Nazionale Case della Memoria è in Italia l’unica rete museale di case museo di personaggi illustri a livello nazionale e partecipa alla Conferenza Permanente delle Associazioni Museali Italiane di ICOM Italia. Info: www.casedellamemoria.it

giovedì 22 dicembre 2016

Firenze: Calendario delle celebrazioni, Chiesa di SS. Michele e Gaetano



AVVISO DA FIRENZE - CHIESA DEI SS. MICHELE E GAETANO, APOSTOLATO DELL'ISTITUTO CRISTO RE SOMMO SACERDOTE





24 dicembre: Vigilia del Santo Natale
Ore 7.30 : Santa Messa della Vigilia
Ore 11.00 : Santa Messa della Vigilia
Ore 21.30 : Mattutino di Natale
Ore 23.45 : Santa Messa di Mezzanotte
 
25 dicembre: Santo Natale
Ore 11.00 : Santa Messa cantata
Ore 18.00 : Vespri
Ore 19.00 : Santa Messa
 
26 dicembre, Santo Stefano protomartire
Ore 10.30 : Apertura della chiesa
Ore 11.00 : Santa Messa con organo
Ore 17.00 : Esposizione del Santissimo, Rosario
Ore 18.45 : Benedizione eucaristica
Ore 19.00 : Santa Messa
 
Dal 27 al 30 dicembre: Orari abituali
 
31 dicembre 2016 :
Ore 7.30 : Messa del giorno
Ore 19.00 Messa del giorno e Te Deum di ringraziamento
 
Domenica 1 gennaio 2017, Ottava della Natività (festa di precetto)
 
Orari delle domeniche e feste; la Santa Messa è preceduta dal canto del Veni Creator
 
Lunedì 2 gennaio 2017
Orari abituali
 
Martedì 3 gennaio 2017
Orari abituali
 
Mercoledì 4 gennaio 2017
Orari abituali
 
Giovedì 5 gennaio 2017
Ore 7.30 : Santa Messa
 
Pomeriggio : Manifestazione delle Capannucce in Città con S.E.R. il Cardinale  Arcivescovo.
 
Venerdì 6 gennaio, Epifania del Signore (precetto)
Orari delle domeniche e feste

 Sabato 7 gennaio 2017
Orari abituali del sabato
 Domenica 8 gennaio 2017
Orari abituali

Cecina: avviso sulle SS. Messe



AVVISO






Il Comitato pro multis di Cecina (Li) avvisa che non sono previste celebrazioni in rito antico nel tempo di Natale presso la Chiesa di San Carlo al Palazzaccio a Cecina.

Sarà altresì sospesa a gennaio la S. Messa normalmente celebrata la prima domenica dell'anno. Le funzioni riprenderanno con regolarità la terza domenica del mese di gennaio 2017 (15 gennaio, ore 9.15)